CALEIDOSCOPIO

Quando il gruppo diventa squadra crea il gioco vincente

Quando il gruppo diventa squadra crea il gioco vincente

Spesso gli imprenditori sono convinti che per "vincere" nel mercato sia sufficiente avere un gruppo di professionisti molto "skillati" dal punto di vista tecnico.

Questo non è vero. Perché c'è una bella differenza tra "essere un gruppo" e "essere una squadra" capace di creare un gioco vincente.

Il gruppo è un insieme di persone che "fanno qualcosa assieme", essere una squadra significa finalizzare lo stare assieme.

Andiamo a capire come.

La squadra si distingue dal gruppo per queste caratteristiche:

  1. Scopo chiaro e condiviso;
  2. Obiettivo sfidante chiaro capace di appassionare e responsabilizzare ogni singolo elemento;
  3. Metodo consapevole "sappiamo come vogliamo giocare"
  4. Chiarezza di ruoli e di rapporti tra ruoli;
  5. Eccellenza condivisa;
  6. Competenze organizzate "saper giocare nelle difficoltà".

Esploriamo meglio questi punti.

  1. Senza uno scopo non può esistere un gioco di squadra. Lo scopo è il significato di utilità con il quale l'azienda intende posizionarsi nel mercato per essere riconosciuta. Il posizionamento dell'azienda dipende quindi da quanto l'organizzazione riesce ad essere coerente allo scopo. Perciò il posizionamento è la conseguenza di quanto ogni singolo reparto, ogni singola persona è coerente ai valori aziendali. Basta essere coerenti a pochi valori per scatenare qualcosa di fantastico. I valori e lo scopo creano appartenenza e danno senso al metodo.

  2. L'obiettivo sfidante è la visione, il traguardo. Tutti noi abbiamo bisogno di vivere il valore della sfida, di sapere che stiamo "lottando" per generare qualcosa di più bello, nuovo, sicuro e divertente. Per fare un esempio molto semplice, chiarire l'obiettivo sfidante è come decidere se ci si sta preparando alla maratona o alla mezza maratona...l'allenamento cambia! Ma il fatto di sapere "il perché" si sta correndo, ti fa scendere in strada anche quando i piedi fanno male, o fa freddo e piove... perché c'è un appuntamento molto importante con sé stessi che non si vuole perdere.

  3. Senza metodo non si va da nessuna parte. Metodo deriva dal greco: "Metà-odòs", ossia "la strada attraverso". Il metodo stabilisce come vogliamo giocare la "partita" col nostro mercato di riferimento, come vogliamo fare gli "allenamenti" e ci permette di creare gli schemi. Senza metodo non può esistere creatività e stile aziendale.

  4. I ruoli mettono chiarezza in merito allo spazio che ognuno vuole e deve occupare in azienda. Ognuno deve stare al proprio posto, ossia, deve aver ben chiaro cosa produrre per essere utile e "come passare" il proprio prodotto per scambiare con qualità, senza scavalcare gli altri, senza creare inutili centri di potere, senza omettere. Stare al proprio posto e favorire lo scambio in abbondanza.

  5. Tutti dobbiamo essere eccellenti. Essere noi stessi con metodo al meglio continuamente. In una squadra non può esistere un professionista bravo e uno "bravino". Tutti dobbiamo essere dei numeri 1, capaci di vivere secondo questo stile di vita ispirato che porta le persone a vivere il miglioramento continuo come piacere e dovere. Il primo dovere è quello di creare competenza di ruolo capace di parametrare il punto di partenza e i delta di crescita, vivendo l'errore come parte integrante del processo di crescita e miglioramento.

  6. La vera sfida è creare il gioco vincente anche quando le situazioni interne o esterne all'azienda non lo permettono. Tutti sono capaci di vincere quando ci sono le premesse, pochi sanno vincere creandole continuamente. La storia ci insegna che l'invincibilità dell'esercito romano era dettata dalla logicità della sua organizzazione, capace di ricompattarsi velocemente nonostante i colpi subiti e quindi sfondare le linee avversarie perché era ben chiaro a tutti come agire in caso di cambio dello schema. Questa è la vera sfida oggi nelle aziende, creare le competenze organizzate capaci di rigenerare l'equilibrio vincente.

Quando il gruppo diventa squadra crea il gioco vincente.

Conosci te stesso!

Chiara Pulzato

Copyright © 2015 Pura Italia - note legali